Ente di Formazione accreditato in Regione

Decreti Italia - ISIday

Decreti Italia: L.R. Marche 13/20_Capo II

ART.9 per le aziende agrituristiche, è consentita l'attività di ristorazione senza somministrazione mediante consegna a domicilio. Tale disposizione si applica dalla data 10.04.2020 fino al termine dello stato di emergenza dichiarata ai sensi della normativa statale.
 
ART.10 viene anticipato che sarà pubblicato un bando che prevede interventi regionali per le imprese zootecniche del settore carni ovicaprine, latte ovicaprino e latte bovino.
Il bando è stato reso pubblico il 22.04.2020 e prevede 2 tipologie di contributi una tantum:
 
1. Contributo a pecora potenzialmente in grado di produrre un agnello pronto per il mercato nel periodo compreso tra l’08.03 e il 30.04.2020.
Le pecore devono avere un’età superiore ai 12 mesi e devono essere presenti nella Banca dati Nazionale al 31.12.19.

Massimo concedibile € 5.000,00.
 
2.Per il latte bovino e ovicaprino prodotto dal 08.03 al 30.05, risultante dalle fatture emesse. 
Massimo concedibile € 20.000,00.

 
E’ possibile sommare le due tipologie di contributo.
 
Scadenza 10.06.2020
 
ART.11 viene anticipato che sarà pubblicato un bando recante interventi per imprese agricole anche associate o aggregate, che abbiano la disponibilità di terreni agricoli e con sede operativa nella Regione Marche al fine di favorire la vendita a domicilio.

Il bando è stato reso pubblico il 29.04.2020.
 
Soggetti beneficiari:
-imprese agricole florovivaistiche
-le altre imprese agricole compresi  i gruppi di imprese associate e aggregate
I soggetti beneficiari possono vendere anche prodotti agricoli e/o alimentari di altri imprenditori agricoli purchè il fatturato derivante dalla vendita dei propri prodotti sia prevalente rispetto al fatturato proveniente dalla vendita dei prodotti acquistati da altri.
 
La vendita a domicilio deve riguardare prodotti di almeno uno dei seguenti settori produttivi:
-ortofrutta;
-carni (Bovine, Equini, Suine, Ovi-Caprino, Avicolo, Cunicolo);
-florovivaistico;
-lattiero-caseario;
-vitivinicolo;
-olivicolo;
-Ceralicolo e Proteaginose;
-miele.
 
Tipologia di interventi ammessi
a) Investimenti produttivi

Entità dell’aiuto: 60% (elevabile al 70% per il settore florovivaistico) delle spese ritenute ammissibili
b) Interventi di gestione

Entità dell’aiuto: 70% (80% per il settore florovivaistico) delle spese ritenute ammissibili
 
c) Interventi di informazione e promozione
Entità dell'aiuo: 80% delle spese ritenute ammissibili 
 
Massimo concedibile: € 20.000 nel caso di imprese singole e di € 50.000 nel caso di gruppi di 3 o più imprese associate/aggregate
Tempi di realizzazione del progetto di investimento:
Dal 10.04.2020 fino al:
31.12.2020 per l’intervento di cui alla lettera a);
30.06.2021 per gli interventi di cui alla lettera b) e c)
Valutazione delle domande: Prevista graduatoria in base ad una scala di punteggi
 
Scadenza: 30.06.2020
 
Per maggiori informazioni leggi "L.R. 13/20 Imprese agricole"



Torna a: Decreti Italia